Wargaming and the Cyprus golden passports – the story so far

Home News WarGaming news World of Tanks news

The Cypriot authorities found violations in the issuance of “golden passports” to Wargaming employees.

The 64 Wargaming employees who received Cyprus Golden Passports in 2014-2017 did not meet the investment program criteria. This was announced by the auditor general of Cyprus Odysseas Mikhailides in an official report.

The fact that Wargaming employees received “golden passports” in violation of the terms of the Cyprus investment scheme was reported on December 1 by the Cypriot edition of Stockwatch with a link to the interim report Auditing service. The report was published by the Auditor General of Cyprus Odysseas Mikhailides on November 27: it does not mention the name of Wargaming company, but mentions a certain “company A”, but Mikhailides informed the Ministry of Internal Affairs and the Attorney General of Cyprus about the company in question, says Stockwatch.

• The company with Belarusian roots Wargaming, which is the developer of the popular game World of Tanks and is headquartered in Nicosia, employs 400 people, it is the second largest shareholder of Hellenic Bank with a 20.6% share. In addition, Wargaming is one of the largest tax residents in Cyprus, which has invested tens of millions of euros in the republic, says Stockwatch.

The Office of the Auditor General, based on various information it was able to obtain, identified 64 people who received Cypriot citizenship (naturalization) as being involved in “Company A”, the report says. “Company A” has been operating in Cyprus since 2011 and is engaged in international activities: it has chosen Cyprus as a place for investment and for the establishment of its headquarters, the document says. According to the auditor, out of 64 people, 30 received a Cyprus passport in 2014, 11 people – in 2015, 12 people – in 2016 and 11 more people in 2017 (until May). During this period, the Minister of Internal Affairs of Cyprus was Socrates Hasikos, the document says.

Of the 64 people, 27 worked in “company A”, the inspectors found out: among them there are three spouses of employees who also work in the company and may have received citizenship as dependents, the document says. “The remaining 37 people, apparently, did not work in ‘company A’, but received citizenship as related to it. These may be the heads of the company working abroad or even not related to it, ”the report says.

Obtaining citizenship implies that the top manager must have such a remuneration in the company that allows Cyprus to receive € 100,000 in tax for at least three years, while the tax must have already been paid or paid in advance. In addition, the Golden Passport applicant must own a private property with a market value of at least € 500,000 plus VAT.

Due to government obstacles, the audit service was able to verify Wargaming employees only on these two criteria, the report says: at the same time, the service was not able to verify whether the holders of the “golden passports” had convictions, the origin of the money invested in Cyprus, and whether those who received it paid citizenship € 2,000 for applying and € 5,000 for a certificate of citizenship.

READ also:  World of Tanks ST - A43 BP prototype in the battlefield

As a result, the audit service came to the conclusion that none of the 64 audited met both criteria, and the fact that they received “golden passports” could be an abuse of power.

Among the violations, the auditors name cases when some holders of “golden passports” claimed that they lived on certain streets or in certain apartments, but the documents referred to land plots, parking lots or unfinished buildings, on which work has long ceased. This means that these people or lawyers on their behalf may have lied about their place of residence in order to obtain Cypriot citizenship, the inspectors say.

Of the 64 Wargaming employees audited by the auditor, only seven own real estate. Two of them bought houses worth over € 500,000, another five bought houses below this price. However, these transactions took place after the company’s employees received citizenship, so even these two people should have been denied their application, the document says.

Wargaming spokesman declined to comment

source – wotexpress and https://vk.cc/bVsLhx | Forbes Russia.

picture: wikimedia.org CC BY-SA 4.0


Le autorità cipriote hanno riscontrato violazioni nell’emissione di “passaporti d’oro” ai dipendenti di Wargaming.

I 64 dipendenti di Wargaming che hanno ricevuto il Cyprus Golden Passport nel 2014-2017 non soddisfacevano i criteri del programma di investimento. Lo ha annunciato il revisore generale di Cyprus Odysseas Mikhailides in un rapporto ufficiale.

Il fatto che i dipendenti di Wargaming abbiano ricevuto “passaporti d’oro” in violazione dei termini del programma di investimenti di Cipro è stato segnalato il 1 ° dicembre dall’edizione cipriota di Stockwatch con un collegamento al servizio di revisione del rapporto interinale. Il rapporto è stato pubblicato dal Revisore generale di Cipro Odysseas Mikhailides il 27 novembre: non menziona il nome della società Wargaming, ma menziona una certa “società A”, ma Mikhailides ha informato il Ministero degli affari interni e il Procuratore generale di Cipro della società in questione, afferma Stockwatch.

La società con radici bielorusse Wargaming, che è lo sviluppatore del popolare gioco World of Tanks e ha sede a Nicosia, impiega 400 persone, è il secondo maggiore azionista di Hellenic Bank con una quota del 20,6%. Inoltre, Wargaming è uno dei maggiori residenti fiscali a Cipro, che ha investito decine di milioni di euro nella repubblica, afferma Stockwatch.

L’ufficio del revisore generale, sulla base di varie informazioni che è stato in grado di ottenere, ha identificato 64 persone che hanno ricevuto la cittadinanza cipriota (naturalizzazione) come coinvolte nella “società A”, afferma il rapporto. La “società A” ha opera a Cipro dal 2011 ed è impegnata in attività internazionali: ha scelto Cipro come luogo di investimento e per l’istituzione della sua sede, afferma il documento. Secondo l’auditor, su 64 persone, 30 hanno ricevuto un Cipro passaporto nel 2014, 11 persone – nel 2015, 12 persone – nel 2016 e altre 11 persone nel 2017 (fino a maggio). Durante questo periodo, il ministro degli affari interni di Cipro era Socrates Hasikos, dice il documento.

READ also:  World of Tanks ST - Double-barreled tanks - a new iteration

Delle 64 persone, 27 lavoravano in “azienda A”, gli ispettori hanno scoperto: tra loro ci sono tre coniugi di dipendenti che lavorano anche in azienda e potrebbero aver ricevuto la cittadinanza come persone a carico, dice il documento. Le restanti 37 persone, a quanto pare, non lavoravano nell”azienda A ‘, ma hanno ricevuto la cittadinanza in quanto correlata ad essa. Questi potrebbero essere i capi dell’azienda che lavorano all’estero o anche non legati ad essa”, afferma il rapporto.

L’ottenimento della cittadinanza implica che il top manager deve avere una tale remunerazione in azienda che consenta a Cipro di ricevere 100.000€ di tasse per almeno tre anni, mentre la tassa deve essere già stata pagata o pagata in anticipo. Inoltre , il richiedente Golden Passport deve possedere una proprietà privata con un valore di mercato di almeno € 500.000 più IVA.

A causa di ostacoli governativi, il servizio di audit è stato in grado di verificare i dipendenti di Wargaming solo in base a questi due criteri, afferma il rapporto: allo stesso tempo, il servizio non è stato in grado di verificare se i titolari dei “passaporti d’oro” avessero condanne , l’origine del denaro investito a Cipro e se coloro che l’hanno ricevuto hanno pagato la cittadinanza € 2.000 per la domanda e € 5.000 per un certificato di cittadinanza.

Di conseguenza, il servizio di audit è giunto alla conclusione che nessuno dei 64 controllati soddisfa entrambi i criteri e il fatto che abbiano ricevuto “passaporti d’oro” potrebbe essere un abuso di potere.

Tra le violazioni, i revisori citano i casi in cui alcuni titolari di “passaporti d’oro” affermavano di vivere in determinate strade o in determinati appartamenti, ma i documenti si riferivano a terreni, parcheggi o edifici incompiuti, sui quali i lavori sono durati poco o sono da tempo cessati. Ciò significa che queste persone o avvocati a loro nome potrebbero aver mentito sul loro luogo di residenza per ottenere la cittadinanza cipriota, dicono gli ispettori.

Dei 64 dipendenti di Wargaming controllati dal revisore, solo sette possiedono proprietà immobiliari. Due di loro hanno acquistato case per un valore superiore a € 500.000, altri cinque hanno acquistato case al di sotto di questo prezzo. Tuttavia, queste transazioni sono avvenute dopo che i dipendenti hanno ricevuto la cittadinanza, quindi anche a queste due persone avrebbe dovuto essere negata la domanda, dice il documento.

Comments are closed.