World of Tanks – Italian tanks from tier VIII to X

Home News WarGaming news World of Tanks news

Source – worldoftanks.com

Tier VIII and Upwards – Autoreloader

You’re free to use higher-tier Italians as a single shot tank, or as a clip thanks to a new loading mechanic. Basically, it’s a combination of a drum and single shot system. As soon as you fire, the drum begins to reload. The more shells you have in the clip, the faster it loads the empty part of the magazine. The first shell takes the longest to reload, and it speeds up from there. If you fire again, before the shell is reloaded, the reloading is interrupted and starts anew.

“How can I leverage it then,” you ask? Here’s a simple tip: analyze what’s happening on the battlefield and use the drum situationally. Empty your clip when you know you’ll have time to reload. Single-shot when you need to get someone down to where they can then be clipped out. This way, you can offer sustained fire and your enemy won’t know where you are in terms of reloading. Besides, you never have to worry about managing your clip reload—it always starts reloading when you fire. Let’s take a closer look at vehicles with the autoreloader.

Tier VIII – P.44 Pantera

Let’s kick things off with the Tier VIII P.44 Pantera — the first in the branch to have that feature you’ve all been waiting for — the auto-reloading drum.

The Pantera was one of the variants sparked by a project that was developed during the Second World War. Work on the medium tank never made it past the preliminary design stage.

With a long-barreled 90mm cannon, good depression and mobility, it can occupy advantageous positions. The new mechanic means that the tank can feel more at home at close and medium distances but just be cautious when at long-range.

Tier IX – Prototipo Standard B

Stemming from a group of prototypes developed and manufactured during the Kampfpanzer Standard program which Italy first took part in in 1958. In collaboration with Ingeniuerbüro Warneke, Rheinstahl Hanomag, Henschel and Rheinmetall, only two models were produced under the program. After extensive testing, preference was given to the group “A” prototypes, which after further work came to be known more commonly as the Leopard 1.

The first post-WWII tank in the Italian tree, it bears a striking resemblance to the German prototype Leopard in terms of dimensions and silhouette. As with the Pantera, the Prototipo also features the new mechanic. Possessing a 105mm gun and a similar angles of depression, this tank could be seen as the direct descendant of the Tier X Progetto. This means you can hone your tactics in preparation for unlocking the Tier X steel beast.

As with the Pantera, the tank performs well at close and medium distances but the Leopard’s inherent weak armor still means you need to be careful.

Tier X – Progetto M40 mod 65

In 1969, a military delegation from Italy visited Germany to discuss purchasing Leopard tanks. However, not all the delegates agreed with the idea of acquiring foreign tanks. The Italian military and constructers outlined their basic wishes: decent depression, cast turret and gun mantlet and the powerful Mitsubishi engine. Their wishes resulted in the creation of a small, light, mobile — but well protected — tank.

READ also:  World of Tanks Supertest - HD Erlenberg Video and Pictures

During the design process, British and Soviet developments were taken into account. Other than further drawings and blueprints, the tank never went any further.

Futuristic form and better gun characteristic with the new mechanics make it possible to fully unleash the skills acquired from the tanks further down the tech branch and the Italian premium. The Progetto M40 mod 65’s good depression and mobility will help you occupy advantageous positions on the battlefield. As at Tiers VIII and IX, the tank performs well at close to medium distances but the armor isn’t something to be relied upon, other than possible bouncing of shells from the hull and turret.

As you can see these high-tier tanks have a consistent play style meaning each progression up the branch won’t be jarring and the skills you hone at Tier VIII will benefit you at Tier X.

Avanti, Commanders!


Livello VIII e successivi – Autoricaricatore

Con i carri italiani potete scegliere se sparere un solo colpo alla volta oppure una serie di colpi in rapida successione, grazie alla nuova meccanica di ricarica. Fondamentalmente, si tratta di una combinazione fra una sistema di fuoco a colpo singolo e uno dotato di caricatore. Subito dopo aver sparato il primo colpo, si avvia la ricarica del tamburo del caricatore. Più proiettili sono presenti nel tamburo, più la ricarica dei proiettili che mancano è veloce. Il primo proiettile richiede maggior tempo per essere caricato, mentre i proiettili successivi richiedono un tempo inferiore. Sparando durante il caricamento di un proiettile, il processo viene interrotto e riparte da zero.

Vi chiedete come si può sfruttare al meglio questa caratteristica? Vi consigliamo di analizzare ciò che sta succedendo sul campo di battaglia e usare il tamburo in base alla situazione contingente. Usate tutti i colpi solo se siete sicuri di avere il tempo per ricaricare. Sparate un solo proiettile alla volta per danneggiare i nemici, fino a portarli nella situazione in cui potranno essere distrutti svuotando l’intero caricatore. Così potrete offrire fuoco di sostegno senza che il tuo nemico capisca dove ti trovi. Inoltre, non dovrete mai preoccuparvi di gestire la ricarica del caricatore: il caricamento parte in automatico dopo ogni colpo. Ora, comprese le basi del funzionamento dell’autoricaricatore, diamo un’occhiata più da vicino ai veicoli che ne sono equipaggiati.

Livello VIII – P.44 Pantera

Iniziamo con il livello VIII P.44 Pantera, il primo veicolo del ramo equipaggiato con il tanto atteso autoricaricatore.

Il Pantera fu una delle varianti nate da un progetto sviluppato durante la Seconda Guerra Mondiale. La progettazione di questo carro medio non superò mai le fasi preliminari.

È equipaggiato con un cannone a canna lunga da 90 mm e grazie alla buona mobilità e all’elevato angolo di depressione, può posizionarsi in punti vantaggiosi. La nuova meccanica permette a questo veicolo di sentirsi più a suo agio sulle corte e medie distanze; sulle lunghe distanze è meglio essere cauti.

READ also:  World of Tanks IS-6 HD model armor buffs

Livello IX – Prototipo Standard B

Questo veicolo fa parte della serie di prototipi sviluppati e costruiti durante il programma Kampfpanzer Standard, a cui prese parte l’Italia a partire dal 1958. Con la collaborazione di Ingeniuerbüro Warn-eke, Rheinstahl Hanomag, Henschel e Rheinmetall, nel contesto del programma furono costruiti solo due modelli. Dopo un’estesa serie di test, la preferenza fu accordata al gruppo di prototipi “A”, che, dopo ulteriori sviluppi, portò alla creazione del carro comunemente conosciuto con il nome di Leopard 1.

Il primo carro armato postbellico dell’albero tecnologico italiano, con un’incredibile somiglianza al prototipo del Leopard tedesco per dimensioni e sagoma. Come per il Pantera, anche il Prototipo è dotato della nuova meccanica. Equipaggiato con un cannone da 105 mm e angoli di alzo e depressioni analoghi, questo carro può essere visto come un discendente diretto del Progetto a livello X. Ciò significa che con questo veicolo potrete affinare le vostre tattiche prima di arrivare alla bestia d’acciaio a livello X.

Come il Pantera, questo carro si comporta bene a distanze medie e brevi, ma la scarsa corazzatura tipica del Leopard obbliga ad essere prudenti.

Livello X – Progetto M40 mod.

Nel 1969, una delegazione militare italiana visitò la Germania per discutere l’acquisto dei carri Leopard. Tuttavia, non tutti i delegati concordavano sull’idea di acquistare carri armati stranieri. L’esercito italiano e i costruttori delinearono le loro necessità base: angolo di depressione discreto, torretta e scudo del cannone pressofusi, e un potente motore Mitsubishi. Le loro indicazioni si trovarono realizzate nella creazione di un carro armato piccolo, leggero e mobile, ma comunque ben protetto.

Nel corso della progettazione, furono considerati gli sviluppi fatti in Inghilterra e Unione Sovietica, ma il carro armato non andò mai oltre bozze e disegni su carta.

La forma futuristica e le caratteristiche del cannone migliorate, combinate con la nuova meccanica, permettono di scatenare le abilità acquisite con i carri precedenti nel ramo di sviluppo e con il carro Premium italiano. Il buon angolo di depressione del Progetto M40 mod. 65 e la sua mobilità saranno di sicuro aiuto nella corsa verso posizioni vantaggiose sul campo di battaglia. Come ai livelli VIII e IX, il carro si comporta molto bene a distanze medie e ravvicinate, ma la corazza non è qualcosa su cui poter fare affidamento, anche se è possibile qualche rimbalzo occasionale sulla torretta e lo scafo.

I modelli qui sopra descritti non sono ancora stati ultimati.
Con l’albero tecnologico italiano verrà implementato un nuovo consumabile Premium. Per dare energia ai nostri soldati abbiamo pensato ad un piatto italiano che tira sempre su il morale: gli spaghetti. Dovete solo trovare il momento adatto per cucinarli!

Come potete vedere, questi carri armati di alto livello hanno uno stile di gioco coerente, che permette il passaggio fino a livello X mantenendo le abilità già affinate dal livello VIII.

Comments are closed.