World of Warships – Vive la France

Home News WarGaming news World of Warships

What Can You Expect From The ‘Vive la France’ Collection 

The new ‘Vive la France’ collection is available with the release of the French battleships, and will contain 18 items divided into the following three sub-collections: 

1. ‘Stylised’ photos of the French and Allied ships

2. Coats of arms and badges worn by French battleships

3. Armament and airplanes from French Naval history

Camouflages

Once you’re through with the first sub-collection, you get five ‘Vive la France’ themed ‘Revolutionary’camouflage patterns.

The second and third sub-collections will bring you five of each of the Valentine’s Day and Lá Fhéile Pádraig camouflages.

‘Valentine’s’ Camo

(Provides -3% surface detectability range, +4% to maximum dispersion of shells fired by the enemy at you, +100% Commander XP earned in battle, +100% XP earned in battle)

‘Lá Fhéile Pádraig’ Camo

(Provides -3% surface detectability range, +4% to maximum dispersion of shells fired by the enemy at you, +100% Commander XP earned in battle, +100% XP earned in battle)

 

Final Reward: New Commander

The ultimate reward for completing the entire ‘Vive la France’ collection will be a unique French Commander called Jean-Jacques Honoré that will come with 10 undistributed skill points and will be specialised for the Tier I cruiser Bougainville. Apart from his exceptional image, the new Commander boasts two enhanced skills: 

‘Expert Marksman’

  • +3 degrees to the traverse speed of guns with a calibre up to 139 mm (by default +2.5)
  • +1 degree to the traverse speed of guns with a calibre exceeding 139 mm (by default +0.7)

‘Adrenaline Rush’

  • -0.25% to the reload time of all types of armament for each 1% of HP lost (by default -0.2%).

 If there is no vacant place in the Reserve, it will be added automatically. Otherwise, it won’t be added to player accounts. 

Jean-Jacques Honoré: Expert Marksman

Jean-Jacques Honoré: Adrenaline Rush

Collection Key

Crack open the first container of the collection to grab the collection key with a dedicated symbol. This time the key is decorated with the Gallic rooster and a fleur-de-lis, the symbols associated with the French Republic and monarchy, respectively.

Collection Items

Just like in the ‘Hunt for Bismarck’ and ‘Battle of North Cape’, this collection is made up of individual items steeped in history. 

Missing items from the collection can be obtained for a certain amount of duplicates. Unique collection items can be traded for duplicates at a rate of 1 per 3 – meaning if you have one missing collection item you will need to trade in three duplicates. Once the campaign is over and the collection is complete, all duplicates will be exchanged for credits at a rate of 15,000 credits per duplicate. 

 

Large Destroyer Aigle in Marseille, March 1940

The large destroyer Aigle, which was built at the dockyard in Dunkirk, joined the Naval Forces in 1932. The large destroyer (contre-torpilleur) type of warship, which combined the characteristics of destroyers and cruisers, was used only by France. Other countries relied on flotilla leaders instead. But unlike leaders, the French ships were designed to drive off opposing destroyers rather than lead destroyer flotillas. 

During World War II, Aigle was engaged in operations to transport gold bars several times. In November 1939, it escorted Force “Z” ships (the battleship Lorraine and two cruisers of the La Galissonnière-class) until they reached the Atlantic. In March–April 1940, Aigle provided cover and later escorted the ships of Force “X” back. Besides that, Aigle was regularly deployed to escort convoys with troops, heading from the North African ports to Marseille. The last combat operation in which the large destroyer participated was a raid on Genoa, where it had to fend off the attacks of Italian torpedo boats.

 

Cardinal Richelieu’s Coat of Arms

Armand Jean du Plessis, the famous Cardinal Richelieu, was one of the most influential politicians in France and essentially the founder of the French Navy. Before Richelieu, the kingdom couldn’t boast any organized navy. He helped create a fleet that would be recognized as a significant naval force in the international arena. The Cardinal himself was involved in designing the exterior decor and armament of one of the most powerful ships of that time—the 70-gun Couronne (“Crown”). 

The first warship to be named after Richelieu was an ironclad that joined the fleet in 1876. The next large combat unit of the Marine Nationale to carry the Cardinal’s name was a battleship (displacement: 35,000 tons) that was laid down at the Brest Arsenal in 1935. That battleship turned out to be one of the best ships of its type in Europe.

 

340 mm Quadruple Turret

In 1912, a decision was finally reached to proceed with building the third series of battleships for the French Navy. However, plans to make new ships of the Normandie-class more powerful than their predecessors were hindered by production constraints, as at that time French shipyards were not big enough to allow for any significant increase in the size of warships. Moreover, the French didn’t have guns that were more powerful than the 340 mm guns, which were to be mounted on the Bretagne-class battleships that were at their final stages of construction, and the design of a new gun weapon system would be too expensive timewise. Ultimately, engineers came up with an innovative solution: to mount the main guns intended for the Normandie-class battleships in quad turrets. 

The new turret, which would have become the first quad turret ever mounted on a ship, was designed to have a rate of fire of up to two shots per minute. The front armour plates protecting the guns were to have been 340 mm thick. In total, plans were made to build 31 units: each of the five Normandie-class battleships laid down in 1913-1914 was supposed to carry three such turrets, while the Lyon-class warships ordered in 1915 were designed to carry as many as four.

 

Bomber Curtiss CW-77

The shipborne scout-bomber SBC Helldiver was manufactured by the U.S. firm Curtiss from 1937. In 1939, the French Government placed an order for several dozen of these biplanes for the French Navy. Their production, however, was delayed, and to fill the order a decision was made to provide France with 50 Helldiver bombers from operational U.S. Navy divisions. To accommodate French standards, the planes were renamed as Curtiss CW-77, and were urgently reequipped with French machine guns and camouflaged accordingly. 

However, as America had declared neutrality, it couldn’t deliver bombers directly to France. A plan was devised to move the biplanes to Halifax, Canada, where they were to be fetched by the French aircraft carrier Bearn. At the last moment, the planes were prohibited to cross the Canadian border by air. They had to be dragged across the border using tractors and trucks available in the vicinity. At the beginning of June 1940, all biplanes were finally loaded onto the carrier. The news about the capitulation of France reached Bearn near the island of Martinique. All Helldivers were taken ashore, where they decayed after a few years without proper maintenance.

Good luck with the new collection, Captains! Take a closer look at your collectables, you’ll learn something new!


Che cosa puoi aspettarti dalla collezione “Vive la France”

La nuova collezione “Vive la France” sarà disponibile con l’uscita delle corazzate francesi e conterrà 18 oggetti suddivisi nelle seguenti sottocollezioni:

1. Fotografie “stilizzate” delle navi francesi e alleate

2. Stemmi e distintivi indossati dalle corazzate francesi

3. Armamento e aerei della storia navale francese

Mimetiche

Quando avrai completato la prima sottocollezione, otterrai cinque colorazioni mimetiche ‘”Vive la France”. La seconda e la terza sottocollezione ti daranno cinque mimetiche di San Valentino e cinque Lá Fhéile Pádraig.

Mimetica di San Valentino

(Offre -3% al raggio di avvistamento dal mare, +4% alla dispersione massima dei proiettili sparati da un nemico alla tua nave, +100% all’Exp del Capitano guadagnata in battaglia, +100% all’esperienza guadagnata in battaglia)

Mimetica “Lá Fhéile Pádraig”

(Offre -3% al raggio di avvistamento dal mare, +4% alla dispersione massima dei proiettili sparati da un nemico alla tua nave, +100% all’Exp del Capitano guadagnata in battaglia, +100% all’esperienza guadagnata in battaglia)

 

Ricompensa finale: Nuovo capitano

Completando tutta la collezione “Vive la France”, otterrai un capitano francese unico, Jean-Jacques Honoré, con 10 punti abilità da distribuire. Il capitano sarà specializzato nell’incrociatore di livello I Bougainville. Oltre all’eccezionale aspetto, il nuovo capitano vanta due abilità migliorate:

“Tiratore esperto”

  • +3 gradi alla velocità di brandeggio dei cannoni con un calibro massimo di 139 mm (di base: +2,5).
  • +1 grado alla velocità di brandeggio dei cannoni con un calibro superiore a 139 mm (di base: +0,7).

“Scarica di adrenalina”

  • -0,25% al tempo di ricarica per tutti i tipi di armamento per ogni punto percentuale di HP perso (di base: -0,2%).

Se non c’è alcun posto libero tra le Riserve, ne verrà creato uno automaticamente. Altrimenti non verrà aggiunto agli account dei giocatori.

Jean-Jacques Honoré: Expert Marksman

Jean-Jacques Honoré: Adrenaline Rush

Chiave della collezione

Apri il primo container della collezione per ottenere la chiave della collezione con un simbolo dedicato. Questa volta la chiave è decorata con un gallo gallico e un fleur-de-lis che rappresentano rispettivamente la Repubblica e la monarchia francesi.

Oggetti della collezione

Proprio come per “Caccia alla Bismarck” e “Battaglia di Capo Nord”, anche questa collezione comprende oggetti singoli impregnati di storia.

 

Il grande cacciatorpediniere Aigle a Marsiglia, marzo 1940

Il grande cacciatorpediniere Aigle, costruito nel cantiere navale di Dunkerque, si unì alle forze navali nel 1932. Il grande cacciatorpediniere (contre-torpilleur) è un tipo di nave da guerra che univa caratteristiche dei cacciatorpediniere e degli incrociatori, e fu utilizzato solo dalla Francia. Gli altri paesi preferivano affidarsi ai cacciatorpediniere conduttori, ma, a differenza di questi ultimi, le navi francesi erano progettate per respingere i cacciatorpediniere nemici invece di guidare flottiglie di questo tipo di imbarcazioni.

Durante la seconda guerra mondiale, l’Aigle venne impiegato più volte in operazioni per il trasporto di lingotti d’oro. Nel novembre del 1939, scortò le navi della Forza Z, ossia la corazzata Lorraine e due incrociatori di classe La Galissonnière, fino all’Atlantico. Nel marzo-aprile del 1940, l’Aigle offrì copertura e successivamente scortò le navi della Forza X al ritorno. Oltre a ciò, l’Aigle venne regolarmente schierata per scortare convogli di truppe diretti dai porti nordafricani a Marsiglia. L’ultima operazione di combattimento a cui il grande cacciatorpediniere partecipò fu un raid su Genova, dove dovette respingere gli attacchi degli aerosiluranti italiani.

 

Stemma del cardinale Richelieu

Armand Jean du Plessis, il famoso cardinale Richelieu, fu uno dei più influenti politici della Francia e, fondamentalmente, il fondatore della marina francese. Prima di lui, il regno non era riuscito a formare alcuna marina organizzata. Il cardinale contribuì a creare una flotta che sarebbe stata riconosciuta come una forza navale di grande peso nell’arena internazionale. Venne inoltre coinvolto personalmente nella creazione delle decorazioni esterne e dell’armamento di una delle navi più potenti dell’epoca: la Couronne (“Corona”) da 70 cannoni.

La prima nave da guerra a ricevere il nome di Richelieu fu una corazzata che entrò nella flotta nel 1876. La seconda grande unità da combattimento della Marine Nationale con il nome del cardinale fu una corazzata (dislocamento: 35.000 tonnellate) che venne commissionata all’arsenale di Brest nel 1935. Questa nave dimostrò di essere una delle migliori corazzate d’Europa.

 

Torrette a cannoni quadrupli da 340 mm

Nel 1912 venne finalmente deciso di procedere con la costruzione della terza serie di corazzate per la marina francese. Tuttavia, i piani per realizzare nuove navi di classe Normandie più potenti di quelle precedenti furono ostacolati da limiti di produzione: all’epoca, infatti, i cantieri navali francesi non erano sufficientemente grandi da consentire un aumento significativo delle dimensioni delle navi da guerra. Inoltre, i francesi non disponevano di cannoni più potenti di quelli da 340 mm destinati alle corazzate di classe Bretagne, che erano quasi ultimate, e progettare un nuovo sistema di cannoni avrebbe richiesto troppo tempo. Alla fine, gli ingegneri trovarono una soluzione innovativa: montare i cannoni principali destinati alle corazzate di classe Normandie in torrette da quattro.

La nuova torretta, che sarebbe diventata la prima torretta quadrupla mai installata su una nave, era progettata per raggiungere una cadenza di fuoco massima di due colpi al minuto. Le piastre della corazza frontale, a protezione dei cannoni, avrebbero dovuto essere spesse 340 mm. I piani prevedevano di costruire 31 unità in totale: ognuna delle cinque corazzate di classe Normandie commissionate tra il 1913 e il 1914 avrebbe dovuto montare tre di queste torrette, mentre per le navi da guerra di classe Lyon, ordinate nel 1915, ne erano previste addirittura quattro.

 

Bombardiere Curtiss CW-77

Il bombardiere in picchiata SBC Helldiver, destinato alle portaerei, venne fabbricato a partire dal 1937 dall’azienda statunitense Curtiss. Nel 1939, il governo francese commissionò un gran numero di questi biplani per la marina francese. Tuttavia, la produzione procedeva a rilento e, per soddisfare l’ordine, fu deciso di inviare in Francia 50 bombardieri Helldiver presi da divisioni operative della marina americana. Per soddisfare gli standard francesi, i velivoli vennero ribattezzati Curtiss CW-77, furono rapidamente riequipaggiati con mitragliatrici francesi e dipinti con le mimetiche adeguate.

Gli Stati Uniti, però, si erano dichiarati neutrali e non potevano quindi consegnare i bombardieri direttamente alla Francia. Venne messo a punto un piano per spostare i biplani ad Halifax, in Canada, dove sarebbero stati caricati dalla portaerei francese Bearn. All’ultimo, venne vietato ai velivoli di attraversare il confine canadese per via aerea. Dovettero quindi essere trasportati dall’altra parte usando trattori e camion disponibili nelle vicinanze. All’inizio di giugno del 1940, tutti i biplani furono finalmente caricati sulla portaerei. La notizia della capitolazione della Francia raggiunse la Bearn vicino all’isola di Martinica. Tutti gli Helldiver furono portati a riva dove, dopo alcuni anni, si deteriorarono a causa della mancata manutenzione.

Buona fortuna con la nuova collezione, capitani! Date uno sguardo più da vicino agli articoli da collezione e imparerete qualcosa di nuovo!

Comments are closed.